• REGOLAMENTO VTR

1 ORGANIGRAMMA

1.1 Assemblea
Elegge il consiglio direttivo; viene convocata almeno 1 volta all’anno per l’approvazione del bilancio annuale;

1.2 Consiglio Direttivo
Predispone il rendiconto annuale; stabilisce annualmente il calendario delle attività sportive e associative, mantiene i rapporti con le istituzioni; all’inizio di ogni anno determinerà le quote di tesseramento e il calendario gare; sceglie l’abbigliamento sociale che potrà essere acquistato dai soci a prezzi agevolati; deliberà sull’ammissione dei nuovi soci e sulle eventuali radiazioni.

1.3 Consiglieri
Partecipano al consiglio direttivo; provvedono, mediante votazione, ad assegnare le cariche istituzionali;

1.4 Presidente
Eletto dal consiglio direttivo; rappresenta legalmente l’associazione; presiede tutte le riunioni del consiglio direttivo; verifica l’applicazione di tutte le norme legali e sportive a seguito dell’affiliazione UISP;

1.5 Vice Presidente
Eletto dal consiglio direttivo; aiuta il presidente nei suoi compiti e lo sostituisce in caso di assenza, rappresenta l’associazione presso la UISP e presso gli altri gruppi sportivi;

1.6 Amministratore
Un membro del consiglio direttivo nominato dal consiglio stesso; gli è affidata la parte relativa alla contabilità dell’associazione; gestisce i libri contabili e l’inventario; provvede alla compilazione del bilancio annuale e vigila sul regolare svolgimento degli introiti e delle spese sociali; sottoscrive le quote associative degli iscritti; verifica il versamento della quota da parte di tutti gli atleti; predispone il rendiconto di fine anno sociale da presentare all’assemblea dei soci;

1.7 Segretario
Un membro del consiglio direttivo nominato dal consiglio stesso; redige il verbale durante le riunioni; informa tutti i consiglieri delle eventuali novità; predispone tutta la documentazione utile per gli atleti; predispone le richieste ed archivia gli esiti relativi alle “visite mediche degli atleti”; avvia le procedure relative alle pratiche infortuni; può avvalersi nelle sue mansioni dell’aiuto di altri consiglieri;


2 ASSOCIATI

2.1 Soci
Possono diventare soci dell’associazione tutti coloro che ne condividono le finalità ed i principi ispiratori e ne accettano lo statuto. I nuovi soci richiedono l’adesione compilando il modulo di richiesta e versando la quota associativa.
Eleggono il consiglio direttivo, hanno diritto al voto i soci in regola con le quote sociali.

2.2. Socio fondatore
Il socio fondatore, se lo desidera, rimane a vita nei consigli direttivi dell’associazione, senza necessità di essere eletto. Se i soci fondatori presenti nel consiglio direttivo sono in numero inferiore 6, i posti vacanti saranno disponibili per altri consiglieri eletti dall’assemblea.
Perderanno la qualifica qualora non dovessero più prendere parte alla vita attiva dell’associazione per un periodo continuativo superiore ai due anni senza giustificato motivo.

2.3 Socio dirigente
Il presidente, il vicepresidente, il segratario e l’amministratore sottoscrivono la tessere UISP di tipo D.

2.3 Socio atleta
L’appartenenza a questa categoria è subordinata alla presentazione del certificato medico per l’attività agonistica in corso di validità. I soci sportivi devono sottoscrivere la tessera sportiva UISP di tipo A.

2.4 Socio sportivo
Il socio sportivo partecipa alle marce a passo libero ove non è richiesto il certificato medico. I soci sportivi devono sottoscrivere la tessera sportiva UISP di tipo S.


3 TESSERAMENTO

3.1 L’anno agonistico decorre dal 1 gennaio e termina il 31 dicembre dello stesso anno.

3.2 Quote associative
Le quote associative saranno deliberate dal consiglio direttivo ogni anno agonistico.
La quota comprende: tessera UISP, copertura assicurativa UISP a seconda del tipo di tessera, capo d’abbigliamento.
Le quote, oltre al tesseramento, servono per l’affiliazione della società alla UISP ed alle spese di gestione.
Alla scadenza dell'anno agonistico, il mancato rinnovo della tessera con pagamento della quota associativa, comporta l'esclusione dall'Associazione.

3.3. Trasferimenti
Il nuovo socio proveniente da altra società è tenuto a versare quale diritto di segreteria la tassa di trasferimento; inoltre deve presentare il nulla osta di trasferimento rilasciato dalla società di provenienza.

3.4 Responsabilità
In qualsiasi gara il pettorale è ad uso personale e non può essere ceduto ad altra persona; venir meno a questa norma comporta l’assunzione personale di responsabilità del titolare del pettorale, in caso di infortunio o malore della persona subentrata, esonerando l’associazione ed il presidente pro tempore da qualsiasi responsabilità civile e penale.

3.5. Etica
E’ scorretto da parte di un’atleta partecipare ad una gara senza pettorale e, quindi, senza aver pagato l’iscrizione, indossando la divisa sociale ed usufruendo dei ristori; questo comportamento può portare alla radiazione dalla dall’associazione con delibera del consiglio direttivo.


4 FONDI

4.1 Il fondo cassa, le quote associative, le sponsorizzazioni e qualsiasi altra entrata economica sono versati sul conto corrente intestato all’associazione in modo da formare un fondo societario.

4.2 Eventuali informazioni sul conto possono essere richiesti al presidente o all’amministratore.

4.3 La società è regolarmente iscritta ed è fornita di codice fiscale e partita IVA per eventuali contributi da parte di sponsor o enti.


5 ATTIVITA’

5.1 In occasione delle manifestazioni organizzate dall'Associazione tutti i soci si devono rendere disponibili per assicurare i servizi interni ed esterni per la migliore riuscita delle attività.

5.2 Eventuali premi di società ritirati nelle manifestazioni devono essere consegnati ad un dirigente.

5.3 I soci che trasporteranno con mezzi propri altri partecipanti alle gare hanno diritto ad un rimborso spese.

5.4. Le assemblee ed il consiglio direttivo possono essere convocate con posta elettronica o sms.


6 NORME DISCIPLINARI – CONTROVERSIE – SANZIONI

6.1. Qualora il socio tenga un comportamento in contrasto con lo spirito dell'Associazione o commetta mancanze gravi nei confronti dell'Associazione, dei soci o dei dirigenti, violando lo Statuto e/o il Regolamento, o qualora manifesti comportamenti illegali, pericolosi o incivili, sarà sottoposto a provvedimento disciplinare. Il giudizio spetta al Direttivo che, valutati con attenzione tutti gli elementi a disposizione, potrà renderlo oggetto dei seguenti provvedimenti disciplinari: